Noi e il cibo

Giuliana Ghiandelli Consulting - Centro Studi Olistico

Noi e il cibo

Amio parere è bello esaminare come ci approcciamo al cibo, in quanto rivela molte nostre particolarità, ad esempio analizziamo i tipi di cibo: 

  • dolce si ha bisogno di dolcezza, mancanza che si compensa con gli zuccheri;
  • salato è perché si è aggrappati al personale modo di pensare. È critico sia con se stesso che con gli altri;
  • speziato e bere molto caffè sente la mancanza di stimoli, assumendo delle spezie trova la stimolazione; 
  • acido deve capire il motivo per cui è così acido nei confronti della vita. Solo cambiando questo modo di pensare potrà trarne beneficio;
  • carne nella nostra interiorità prevale la collera o aggressività repressa. Poiché va masticata è come se voleste fare a pezzi qualcuno; 
  • se non si mastica il cibo significa che si vuole rimanere nel presente per paura del futuro;
  • essere di gusti difficili è limitato a certi modi del nostro essere; 
  • litigare mentre si mangia esprime la difficoltà a digerire non solo il cibo ma anche il cibo della mente; 
  • mangiare di tutto o solo cibi naturali evidenzia il rispetto per se stessi e della direzione in cui inviarla; 
  • riempire la dispensa per paura di rimanere senza dice che si è carenti in qualche settore di vita. Bisogna identificarlo per poi ricevere di più; 
  • mangiare solo perché è ora spiega che non si sa dare un indirizzo preciso alla vita o non si è attorniati da persone in grado di aiutarvi;
  • mangiare poco è perché inconsciamente pensa di non meritare di vivere la vita. Sviluppato un forte senso di colpevolezza (a volte senza una valida motivazione);
  • bere troppo ha bisogno di evadere, non si accetta di conseguenza manca di autostima. Potrà bere anche per dimenticare delle emozioni che non riesce a esternare.

Attenzione! comunque sia i problemi galleggiano!